English version | Cerca nel sito:

A Bellaria due querce per i Giusti

onorati Osman Carugno ed Ezio Giorgetti


Un momento della cerimonia (Foto di Gariwo)

Un momento della cerimonia (Foto di Gariwo)

Comune di Bellaria Igea Marina
Assessorato alla Cultura

25 Aprile 2004

ore 15.00 
Proiezione video-intervista:
Josef Konforti, ebreo profugo dalla Jugoslavia, scappato con un gruppo di parenti dai nazisti, ricorda Ezio Giorgetti, che li ha aiutati e nascosti prima nel suo albergo di Bellaria e poi nel paese dell’entroterra Pugliano Vecchio, con la protezione del maresciallo della stazione dei Carabinieri di Bellaria Osman Carugno, dalla fine del 1943 al settembre 1944, quando l'esercito tedesco in rotta abbandonò il paese. Ezio Giorgetti è stato nominato “Giusto tra le Nazioni” dallo Yad Vashem di Gerusalemme.

Interventi di:

Gabriele Nissim, presidente del Comitato per la Foresta Mondiale dei Giusti e autore del libro “Il Tribunale del Bene”

Mario Foschi, autore di “Tin Bota… - i giorni della guerra”


ore 18.00
Parco Urbano di Igea Marina, piazzetta Ezio Giorgetti 

Cerimonia per dedicare due querce a:
Osman Carugno
Ezio Giorgetti

25 aprile 2004

Giardino di Bellaria

  • L'iscrizione nella piazzetta dedicata a Ezio Giorgetti

  • La cerimonia di inaugurazione nel parco di Bellaria-Igea Marina, 25 aprile 2004.

  • Le figlie di Ezio Giorgetti e di Osman Carugno accanto alle querce dedicate ai loro padri

  • Inaugurazione mostra dedicata a Giorgetti e Carugno, 17 giugno 2011. Da sx: G. e M. T. Giorgetti, figlie di Ezio Giorgetti, L. Caro, Rabbino della Comunità Ebraica di Ferrara, E. Ceccarelli, Sindaco di Bellaria Igea Marina, S. Vitali, presidente della Pro

  • Commenti

    Shoah

    il genocidio degli ebrei

    Nel quadro del secondo conflitto mondiale (1939-1945) si compie in Europa il genocidio del popolo ebraico (1941-1945). La “soluzione finale“, sei milioni di ebrei sterminati, è stata preparata da Hitler, salito al potere in Germania nel 1933. A partire dalla pubblicazione del Mein Kampf, Hitler progetta la rivoluzione nazionalsocialista sulla base di un’ideologia razzista.
    Nella memoria del popolo ebraico e nella sentenza conclusiva del Tribunale Militare Internazionale, la stima dello sterminio è di 6.000.000 di persone. In realtà gli storici più accreditati, tra cui Raul Hilberg, ritengono che la cifra si aggiri intorno a 5.200.000.

    leggi tutto

    Scopri nella sezione

    Multimedia

    Winton's children: Vera Gissing

    intervista a Vera Gissing, una salvata di Nicholas Winton (In inglese)

    La storia

    Giorgio Perlasca

    si finse un Console spagnolo e salvò la vita a circa cinquemila ebrei ungheresi