English version | Cerca nel sito:

Moshe Bejski ci ha lasciato

ha dedicato la vita ai Giusti


Moshe Bejski nel 2002 davanti al Giardino dei Giusti presso il Mausoleo di Yad Vashem, a Gerusalemme

Moshe Bejski nel 2002 davanti al Giardino dei Giusti presso il Mausoleo di Yad Vashem, a Gerusalemme

Il Presidente emerito della Commissione dei Giusti di Yad Vashem era ricoverato da tempo in ospedale per le precarie condizioni di salute. 
La mattina del 6 marzo 2007 il suo cuore fragile, malato fin dalla giovinezza, ha ceduto per sempre.
E' stato sepolto nel Kiryat Shaul Cemetery di Tel Aviv.

Moshe Bejski era nato nel piccolo villaggio di Dzialoszyce, vicino a Cracovia, il 29 dicembre 1920. 
Perseguitato dai nazisti dopo l'occupazione della Polonia allo scoppio della guerra, nel 1939, fu salvato dalla deportazione ad Auschwitz grazie alla lista di Oskar Schindler, che si impegnò a proteggere gli ebrei della sua fabbrica fino alla fine della guerra. Con l'arrivo in Polonia dell'Armata Rossa, Bejski iniziò il lungo viaggio verso la Palestina insieme ai due fratelli, unici membri della famiglia sopravvissuti. Si stabilì a Tel Aviv e divenne un avvocato affermato e in seguito uno dei più importanti giudici di Israele. Nel 1962 depose al processo Eichmann a Gerusalemme e l'anno successivo entrò a far parte della Commissione dei Giusti di Yad Vashem, di cui divenne presidente nel 1970. Alla ricerca e alla valorizzazione dei Giusti dedicò il resto della vita, anche dopo il ritiro in pensione nel 1995, quando assunse la presidenza di Mashua, un'associazione per ricordare la Shoah ai giovani.

6 marzo 2007

Commenti

A Yad Vashem

il primo "Giardino dei Giusti"

Il Giardino dei Giusti di Gerusalemme è sorto nel 1962 presso il Mausoleo di Yad Vashem, il luogo della memoria della Shoah, in applicazione del punto 9 della sua legge istitutiva, approvata dal parlamento israeliano nel 1953, che recita:

"Con la presente legge è istituita la fondazione Yad Vashem a Gerusalemme, per commemorare (…) i giusti tra le nazioni, che hanno rischiato la loro vita per aiutare degli ebrei."

Per commemorare i Giusti tra le Nazioni viene scelto di piantare degli alberi di carrubo. Nasce il Viale dei Giusti, che si allargherà nel giardino omonimo.
Nel 1963 viene istituita la Commissione dei Giusti per scegliere le persone a cui assegnare l'onorificenza e dedicare l'albero. Nella sua attività la Commissione ha nominato circa ventimila giusti.

leggi tutto

Giusti tra le Nazioni

La Commissione dei Giusti

per assegnare l'onorificenza a Yad Vashem

Scopri nella sezione

Multimedia

Muslim Heroes of the Holocaust

Intervista a Robert Satloff sul libro "Tra i Giusti, Storie perdute dell’Olocausto nei paesi arabi"

La storia

Don Eugenio Bussa

fondò la Colonia di sfollamento, nella quale nascose numerosi ebrei