English version | Cerca nel sito:

20° Anniversario di Tienanmen

continua la repressione in Cina


L'immagine simbolo della resistenza a Tienanmen

L'immagine simbolo della resistenza a Tienanmen

Continua il silenzio delle autorità sul massacro di piazza Tienanmen del 4 giugno 1989. Il numero delle vittime è ancora coperto dal segreto di Stato.
Si inaspriscono i controlli su attivisti e dissidenti. Sui siti Internet cinesi la censura cancella sistematicamente ogni riferimento alle manifestazioni studentesche e popolari di quei giorni.

Resistono le voci delle Madri di Tienanman, perseguitate dal regime, imprigionate, costrette agli arresti domiciliari, controllate a vista e sottoposte a continue intimidazioni. Guidate da Ding Zilin, il 26 febbraio 2009, in vista dell'anniversario della repressione, hanno rivolto un appello al Congresso del Popolo Cinese per il ripristino della verità e la riabilitazione delle vittime.

Pubblicato in inglese e in cinese Prigioniero di Stato, il libro di memorie registrate e inviate segretamente all'estero da Zhao Ziyang, il segretario del Partito Comunista, oggi scomparso, che intervenne per impedire la repressione e fu epurato dal regime.


Foto Flickr: utente Theredproject

29 maggio 2009

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Urla del silenzio

di Roland Joffé (1984)

La storia

Dana Nemcova

tra i primi firmatari di "Charta 77"