English version | Cerca nel sito:

Orlando Zapata muore in carcere

sdegno del mondo democratico


Il dissidente cubano, arrestato nel 2003 per "ingiurie alla figura di Fidel Castro", è deceduto all'85esimo giorno di sciopero della fame contro gli abusi e le torture che era costretto a subire. Le autorità hanno deciso di portarlo in ospedale quando era già troppo tardi e la sua salute era compromessa. Fermate 25 persone che intendevano partecipare ai suoi funerali. Un'altra trentina di oppositori risulta bloccata in casa. 

Zapata era un "prigioniero di coscienza" per Amnesty International. Secondo Elizardo Sánchez, presidente della illegale Comisión de Derechos Humanos y Reconciliación Nacional (Cdhrn), "questo si può considerare un omicidio con apparenza legale". 

La morte di Zapata ha suscitato il cordoglio e l'indignazione di tutto il mondo democratico. Spagna, Brasile, Stati Uniti e numerosi altri Paesi hanno chiesto il rilascio di tutti i prigionieri politici cubani.

25 febbraio 2010

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo