English version | Cerca nel sito:

Bielorussia, 25 persone saranno processate

per le proteste post-elettorali a Minsk


Aggiornamento 22 gennaio 2011

Venticinque persone saranno processate per le proteste post-elettorali a Minsk. Sul sito dell'organizzazione per i diritti umani Vesna si legge che: " 23 imputati sono in carcere e due hanno firmato per non lasciare la città. Quattro ex candidati presidenziali, Andrei Sannikov, Vladimir Neklyayev, Nikolai Statkevich e Alex Mikhalevich, sono rinchiusi nel centro di detenzione del servizio segreto bielorusso. La scorsa settimana il tribunale ha respinto la richiesta di rilascio di Sannikov, Neklyayev e del leader del partito Unitario civile Anatoly Lebedko. Nelle galere del Kgb sono anche la moglie di Sannikov, la giornalista Irina Khalip, l'analista politico Alexander Feduta e un consigliere del candidato presidenziale Vitaly Rymashevsky, Pavel Severinets. Condannato da un tribunale di Minsk a 14 giorni di carcere il giornalista Barjs Haretski. 

Sannikov e sua moglie rischiano che il regime gli tolga il figlio di tre anni. Lo denuncia il New York Times. Secondo il quotidiano, le autorità bielorusse stanno indagando sulla condizione del piccolo Daniel che ora vive con la nonna e intendono prendere una decisione entro la fine del mese.

Rymashevsk, anche lui imputato nel processo, è stato rilasciato qualche giorno fa insieme al responsabile della campagna di Neklyayev, Andrei Dmitriyev. 

Una giornalista bielorussa, Natalia Radzina, che è in regime di carcere preventivo e rischia fino a 15 anni di prigione per aver criticato il regime sul sito Charter97.org, è stata candidata al Premio Netizen 2011. 

20 dicembre 2010
Elezioni in Bielorussia, centinaia di arresti
in manette i candidati dell'opposizione

Le elezioni presidenziali in Bielorussia si sono concluse con la prevedibile vittoria del presidente uscente Alexander Lukashenko, definito spesso come "l'ultimo dittatore d'Europa".

Lukashenko è al potere in modo autoritario da 16 anni. L'opposizione nelle settimane scorse aveva denunciato la presenza di irregolarità e brogli nel processo elettorale. 

Secondo i dati ufficiali, il Presidente ha ottenuto il 79,7% delle preferenze. L'annuncio della vittoria ha provocato manifestazioni di protesta e centinaia di arresti. L’opposizione ha annunciato che sette dei suoi nove candidati alle elezioni presidenziali sono stati fermati.

Tra gli arrestati ci sono Nikolai Statkevich, Grigoriy Kostusev, l’ex vice ministro degli esteri, Andrei Sannikov e sua moglie. La BBC denuncia che è stato messo in manette Vitaly Rymashevsky. Un quinto candidato alle elezioni, il poeta e dissidente Vladimir Neklaev, è stato invece ricoverato in ospedale ieri sera per aver perso conoscenza dopo essere stato aggredito, insieme a un centinaio di suoi sostenitori, da agenti in borghese con il volto coperto da passamontagna neri. 

Gli osservatori dell'OCSE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) hanno definito queste elezioni non libere, dopo aver denunciato l'irregolarità delle tre consultazioni precedenti. 

10 gennaio 2011

Commenti

Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Khodorkovsky

il film di Berlino censurato in Russia

La storia

Jan Palach

una speranza nel cielo di Praga