English version | Cerca nel sito:

Se Bouazizi ricorda Jan Palach

rivolte in Maghreb e memoria del comunismo


Lo scorso dicembre Mohammed Bouazizi si è dato fuoco nella capitale della Tunisia innescando la Rivoluzione dei gelsomini, dal nome del fiore nazionale. Altri sei uomini si sono immolati in queste settimane in Egitto, Mauritania e Algeria.

Bouazizi, scrive Antonio Ferrari sul Corriere della Sera, "non può non essere accostato a un altro eroe, il cecoslovacco Jan Palach. Palach, alla fine degli anni '60, si trasformò in torcia umana in piazza San Venceslao a Praga per gridare il suo no all'invasore sovietico. Ma c'è anche una seconda immagine: quella del presidente-dittatore Ben Ali in fuga, che ricorda quella del 1989 del romeno Nicolae Ceausescu".

Per ora, continua il giornalista, "ha vinto quella moltitudine di giovani arabi che hanno indebolito il potere, giorno dopo giorno, con Internet e i blog". Il nuovo Presidente tunisino Ghannouchi ha abolito il Ministero dell'Informazione con cui Ben Ali intimidiva i media e si avvia a formare un governo di unità nazionale. 

Il futuro però presenta gravi incognite: l'ex dittatore è oggetto di solidarietà da parte di molti fratelli arabi, tra cui il colonnello Gheddafi che accusa Wikileaks dei disordini. Ci sono ancora molti nostalgici e gruppi fondamentalisti come in Algeria. "La forza democratica della globalizzazione" non ha ancora garantito una libertà duratura. 

18 gennaio 2011

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Enrico Calamai. Un eroe scomodo

puntata di "La Storia siamo noi"

La storia

Azucena Villaflor

madre di Plaza de Mayo