English version | Cerca nel sito:

Gariwo al Corriere: l'impegno di P. Kuciukian

lettera di Nissim dopo l'articolo di Riccardi sul Metz Yeghern


Il Presidente del Comitato Foresta dei Giusti Gabriele Nissim ha scritto al Corriere per integrare l'articolo del fondatore della Comunità di Sant'Egidio Andrea Riccardi Armenia, la pulizia etnica che aprì il Novecento pubblicato il 20 febbraio a commento dell'edizione italiana del Diario del diplomatico americano Henry Morgenthau con la prefazione del Console onorario d'Armenia e cofondatore di Gariwo Pietro Kuciukian.

In particolare Nissim ha sottolineato il ruolo del Comitato internazionale I Giusti per gli Armeni - La Memoria è il futuro presieduto da Kuciukian, che ha assegnato a Morgenthau il titolo di "Giusto per gli armeni".

Rievocando la cerimonia a lui dedicata a Yerevan, il Presidente del Comitato Foresta dei Giusti ha spiegato che le nicchie nel Muro della Memoria eretto a fianco del Museo del Genocidio nella capitale armena "raccolgono le ceneri o un pugno di terra tombale dei Giusti, e sono chiuse da una lapide che li ricorda per il loro impegno umanitario e a favore della verità: tra gli altri Armin Wegner, citato da Riccardi, Franz Werfel, autore de I 40 giorni del Mussa Dagh, l’esploratore norvegese Fridtjof Nansen, la danese Karen Jeppe, l’ambasciatore italiano Giacomo Gorrini, il beduino Fayez El Ghossein e altri ancora".

"Mi sembra importante - prosegue lo scrittore con costante riferimento alla figura di Kuciukian -citare l’impegno di chi da molti anni si spende per la ripresa del dialogo tra Turchi e Armeni sulla base del riconoscimento del genocidio, ma anche del ruolo avuto dai giusti turchi e da tanti contro le scellerate decisioni del governo di allora, “I Giovani Turchi”. Dialogo per il quale è stato assassinato a Istanbul, solo pochi anni fa, il giornalista armeno Hrant Dink".

24 febbraio 2011

Commenti

Il Giardino dei Giusti di Milano

contro tutti i genocidi

Il 24 gennaio 2003, a Milano, in un'area del parco Monte Stella, è stato inaugurato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo, gestito da un'associazione appositamente costituita dal Comune di Milano insieme all'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e al Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo.
Nel corso degli anni sono state onorate figure esemplari di resistenza morale in Rwanda, in America Latina, in Bosnia, nell'Europa oppressa dal nazismo e dal comunismo, in Tunisia, in Russia, in Iran.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Intervista a Giselle El Kazzi, vedova di Samir Kassir

6 marzo 2013, Milano - prima Giornata europea dei Giusti

La storia

Ayse Nur (Sarisözen) Zarakoglu

fu più volte incarcerata in Turchia per avere testimoniato la verità sul genocidio armeno