English version | Cerca nel sito:

La Bontà insensata a Roma

Gabriele Nissim presenta il suo ultimo libro


Lunedì 23 maggio, ore 18.30
Basilica di S. Bartolomeo all'Isola Tiberina
p.zza di San Bartolomeo all'Isola, 22

Arnoldo Mondadori Editore e la Comunità di Sant'Egidio hanno il piacere di invitarLa alla presentazione del libro di Gabriele Nissim
LA BONTA' INSENSATA
Il segreto degli uomini giusti

Intervengono, oltre all'autore:

Pierluigi Battista, Editorialista del Corriere della Sera
Arrigo Levi, Consulente personale del Presidente della Repubblica, giornalista e scrittore
S.E. Monsignor Ambrogio Spreafico

Coordina Milena Santerini, docente dell'Università Cattolica di Milano

(Foto da Wikimedia Commons)

9 maggio 2011

Commenti

Dialogo e riconciliazione

tra vittime e persecutori sono i Giusti a parlare al futuro

Nel tessuto sociale lacerato di un Paese in cui è stato perpetrato un genocidio o altri crimini contro l'Umanità, è molto difficile, anche a distanza di anni, la ripresa di un dialogo per ricucire gli strappi e ricostruire una trama di convivenza civile tra chi appartiene al campo delle vittime - come i sopravvissuti o i familiari o i rifugiati e i loro eredi- e chi a quello dei persecutori, dei complici o degli indifferenti. A cui si aggiunge il ruolo primario dello Stato, dei suoi funzionari e governanti, che spesso cercano di negare l'accaduto e rifiutano di assumersi le responsabilità - pur evidenti - dei massacri. Solo la capacità di reazione e di ascolto di chi non si è piegato all'omologazione dei comportamenti nel gruppo dei persecutori e ha rifiutato di adeguarsi a condotte che la coscienza non approva, può garantire la ripresa di una comunicazione tra le parti che sappia coniugare l'esigenza della verità e l'assunzione di responsabilità con l'apertura al futuro e  a una comune progettualità. 
I Giusti sono gli unici ad avere le carte in regola per farlo.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

I Giusti dell'Islam

servizio sulla mostra del PIME

La storia

Taner Akcam

uno dei primi accademici turchi a riconoscere e parlare del genocidio armeno