English version | Cerca nel sito:

Iran, Barbie esiliata

troppo immorale per l'Islam


L'alternativa iraniana alla Barbie

L'alternativa iraniana alla Barbie

In Iran la Barbie è illegale dal 1996 in teoria ma questo non ha impedito che siano vendute nei negozi di giocattoli del Paese. I commercianti di Teheran hanno raccontato all'agenzia di stampa Reuters che la polizia ha visitato i loro negozi chiedendo di eliminare tutte le Barbie  e di sostituirle con quelle suggerite dal regime, che non offendono la moralità degli integralisti islamici.


Si tratta di Dana e Sara, due bambolotti che hanno le fattezze di un ragazzo e una ragazza con i tratti somatici e gli abiti conformi all'islam.


I venditori di giocattoli iraniani hanno adottato uno stratagemma: in vetrina hanno messo i bambolotti approvati dal regime, di nascosto però continuano a vendere le Barbie.


Hanno giocato con Barbie generazioni di bambine e questo ha messo la bambola al centro di polemiche e contestazioni. Nel 2003 anche l'Arabia Saudita la vieta, definendola "il simbolo della decadenza del perverso occidente".
Molto spesso la bambola è criticata come simbolo di una femminilità stereotipata, di un’ideale di bellezza non raggiungibile.
È di questi giorni la notizia che una pagina su Facebook chiede alla Mattel una versione della bambola senza capelli, in solidarietà con le bambine ammalate di cancro. 


Altre volte, invece, Barbie è stata utilizzata per promuovere la parità tra uomo e donna: Barbie è diventata astronauta per celebrare il primo viaggio di una donna nello spazio, ambasciatrice dell’Unicef, insegnante di lingua dei segni, Presidente degli Stati Uniti.

17 gennaio 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

La storia

Fatima Mernissi

scrittrice, docente di sociologia all’Università Mohammed V di Rabat, Marocco