English version | Cerca nel sito:

Un monaco buddista candidato al Nobel per la Pace

Tich Quango Do


VIETNAM: TICH QAUNG DO CANDIDATO AL NOBEL PER LA PACE


Secondo quanto scrive Asianews, Thich Quang Do è stato candidato al Premio Nobel per la Pace. L'uomo è il patriarca della chiesa unificata  buddista vietnamita. Si trova agli arresti domiciliari in un monastero di  Ho Chi Minh dal 2007 per aver firmato nel 2001 l'"Appello per la democrazia in Vietnam".


E' stato incarcerato e torturato diverse volte, nei mesi scorsi si è messo di nuovo in pericolo con una lettera che invita a una "transizione pacifica alla democrazia".


La Chiesa unificata buddista è stata la prima organizzazione buddista nel Vietnam meridionale fino a quando il governo ha assunto il controllo delle sue proprietà e istituzioni, nel 1975.  Nell'1981 è stata sciolta dopo il rifiuto di sottomettersi al Partito comunista e sostituita con la Chiesa buddista vietnamita, controllata dallo stato. 


I fedeli della Chiesa unificata però non hanno mai riconosciuto l'autorità dello stato quindi molti tra questi monaci sono stati perseguitati e arrestati.


TIBET: UNA MONACA SI DA FUOCO E MUORE


Lobsang Gyatso, del monastero di di Kirti, a Ngaba, si è auto-immolato per protesta contro l'occupazione di Pechino. Questo nuovo gesto viene a pochi giorni dalla morte di una monaca di diciotto anni che si è uccisa nella stessa maniera.  Lei era una novizia del monastero femminile di Mamae, nel Sichuan.  Dal 2009 sono 23 le immolazioni di religiosi in Tibet.


BIRMANIA: DI NUOVO LIBERO IL LEADER DELLA RIVOLUZIONE ARANCIONE


E' stato liberato dopo qualche ora di interrogatori Shin Gambira, uno dei leader della Rivoluzione zafferano, la protesta dei monaci avvenuta in Birmania nel 2007. 


Per aver capeggiato queste proteste aveva subito una condanna a 68 anni di carcere. Era stato liberato appena un mese fa, in seguito ad un'amnistia concessa ai detenuti politici.
Dopo il rilascio non aveva interrotto la sua attività di attivista ma aveva spezzato i sigilli di alcuni monasteri chiusi dal regime e aveva rilasciato interviste molto critiche.

14 febbraio 2012

Commenti

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Scopri nella sezione