English version | Cerca nel sito:

E quindi uscimmo a riveder le stelle

sopravvivere alla Shoah


"Salimmo sù, el primo e io secondo, 
tanto ch'i' vidi de le cose belle 
che porta 'l ciel, per un pertugio tondo.


E quindi uscimmo a riveder le stelle".


(Dante,  Inferno XXXIV, 139)


"Con questo video vogliamo raccontare il coraggio di non arrendersi". La 3C della scuola secondaria di primo grado "Francesco Baracca" a  Lugo, con l'insegnante Silvia Golfera, ha cercato nelle storie di quattro sopravvissuti alla Shoah semi di speranza.


Jona Oberski, Primo Levi, Lucio Pardo, Luciana Nissim Modigliano, sono scampati alla morte con la voglia di tornare a vivere, nonostante l'orrore. Una di loro, Luciana Nissim Modigliano, scrive: "penso anche che tra le fortune che ho avuto ho avuto anche quella di girare pagina". 


I ragazzi hanno avuto l'occasione di incontrare Lucio Pardo che ha descritto la sua esperienza e ha spiegato che la sua vita non si è fermata con la Shoah.


È possibile iniziare un nuovo capitolo dell'esistenza, quindi, senza però dimenticare: Primo Levi ha raccontato che quando era nel lager era animato dall'istinto di sopravvivenza e dall'urgenza di mettersi a scrivere, una volta tornato a casa.


Le storie dei sopravvissuti sono descritte in un bellissimo filmato che è stato il vincitore del concorso "I giovani ricordano la Shoah" (Edizione 2012). 






24 febbraio 2012

Commenti

Educazione

la didattica di Wefor al servizio della memoria

Diffondere la conoscenza dei Giusti tra i giovani è tra i principali obiettivi di Gariwo. Il veicolo più efficace è il rapporto con la scuola, attraverso gli insegnanti impegnati a confrontarsi con i problemi contemporanei nella formazione della coscienza civile e morale delle nuove generazioni... La memoria, individuale e collettiva, è un tassello fondamentale nella formazione dei giovani e un potente strumento nelle mani degli educatori: per questo parliamo di memoria educativa nella costruzione dell’identità...
Gariwo ha sviluppato con gli educatori, docenti, accademici, intellettuali e associazioni, sia in Italia che all’estero, uno scambio di esperienze, di informazioni e di elaborazioni, da rendere disponibili a tutti gli operatori della formazione, sotto forma di progetti didattici, riflessioni, relazioni, riferimenti teorici, indicazioni bibliografiche e notizie dal mondo dell’istruzione...
Per indicare i Giusti come punti di riferimento della coscienza europea, con il progetto Wefor abbiamo creato la didattica deGardini virtuali d’Europa, dove idealmente sono piantati gli alberi per i Giusti dei diversi Paesi; una sezione è interamente dedicata alle scuole, dal titolo significativo YouFor, in cui sono raccolti i materiali per gli insegnanti, i contributi delle classi, gli elaborati e le ricerche degli studenti, oltre a un vasta raccolta di supporti di approfondimento. 

leggi tutto

Scopri nella sezione

Il libro

Immaturità

Francesco M. Cataluccio