English version | Cerca nel sito:

Primo Levi

1919 - 1987

Lo scrittore testimone della Shoah


Primo Levi

Primo Levi

Nato il 31 luglio del 1919 a Torino, da genitori di religione ebraica, Primo Levi si diploma nel 1937 al liceo classico Massimo D’Azeglio e si iscrive al corso di laurea in chimica. Riesce a laurearsi nel 1941 , a pieni voti e con lode ma sul diploma di laurea figura la precisazione: "di razza ebraica". Comincia così la sua carriera di chimico, che lo porta a vivere a Milano, fino all’occupazione tedesca. Il 13 dicembre del 1943 viene catturato  e successivamente trasferito al campo di raccolta di Fossoli dove comincia la sua odissea. Nel giro di poco tempo, infatti, il campo viene preso in gestione dai tedeschi, che deportano tutti i prigionieri ad Auschwitz.

È il 22 febbraio del '44:  questa data che nella vita di Levi segnerà  il confine tra "prima" e "dopo". "Avevamo appreso con sollievo la nostra destinazione. Auschwitz: un nome privo di significato, allora e per noi".  Ad Auschwitz, di fretta e sommariamente, viene effettuata una vera e propria selezione: «In meno di dieci minuti tutti noi uomini validi fummo radunati in gruppo. Quello che accadde degli altri, delle donne, dei bambini, dei vecchi, noi non potemmo stabilire allora né dopo: la notte li inghiottì, puramente e semplicemente» . Primo Levi è deportato a Monowitz, uno dei campi della grande organizzazione di sterminio del "lager" di Auschwitz,  i cui prigionieri sono al servizio di una fabbrica di gomma.  Si ritrovano in pochissimo tempo rasati, tosati, disinfettati  e costretti a indossare la divisa a righe del campo. Su ogni casacca c’è un numero cucito sul petto. Dietro quel numero non c’è più un uomo, ma solo un oggetto: Levi è l’häftling (prigioniero)  174517. Funzionante. Se funziona, va avanti. Se si rompe, è gettato via. Primo Levi è tra i pochissimi a far ritorno dai lager.  Quale testimone di tante atrocità, sente il dovere di raccontare, evocare l’indescrivibile, affinchè tutti sappiano, tutti si domandino "perché", tutti interroghino la propria coscienza: comincia a scrivere, elaborando così il suo dolore, l'annientamento, l'avventuroso ritorno a casa. Nel '47 il manoscritto Se questo è un uomo, rifiutato dalle più grandi case editrici è pubblicato dalla De Silva. Nel 1958 con l'uscita presso Einaudi il libro diventerà una delle più conosciute e apprezzate testimonianze sull'industria della morte nazista.Dal 17 aprile 2012 a Primo Levi sono dedicati un albero e un cippo al Giardino dei Giusti di tutto il Mondo di Milano. 

Commenti

Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.

Scopri nella sezione