English version | Cerca nel sito:

Boualem Sansal stanco di guerra

uno scrittore algerino vuole la pace con Israele


Il Corriere presenta un'intervista illuminante all'intellettuale Boualem Sansal, autore de Il villaggio del tedesco e Rue Darwin. Con quest'ultimo libro l'algerino, cresciuto con una doppia cultura araba e francese, ha vinto il Prix du roman arabe a Parigi. Il riconoscimento tuttavia è stato ritirato perché gli ambasciatori dei Paesi arabi hanno ritirato sostegno e fondi. 

Il pomo della discordia è un viaggio dello scrittore in Israele, dove ha partecipato a un festival letterario, ha visitato il Muro del Pianto dove gli ebrei commemorano la distruzione del Tempio ad opera dei romani e si è intrattenuto con il suo amico David Grossman.  


Quanto basta per farlo considerare complice dei sionisti da parte delle opinioni pubbliche e degli imam conservatori del mondo arabo. Quando il giornalista Stefano Montefiori gli domanda se esista ancora l'antisemitismo, Sansal risponde: "La Shoah non esiste, non se ne parla: un discorso come quello del presidente Hollande al Vel d’Hiv (il velodromo dove gli ebrei francesi furono rinchiusi in vista della deportazione, ndr) da noi è inconcepibile. 


Capita che un algerino veda qualcosa su una tv straniera, e chieda informazioni all’imam della moschea. Nella maggior parte dei casi, si sentirà rispondere due cose: “Hitler avrebbe dovuto ucciderli tutti”, oppure “ l’Olocausto è una panzana inventata dal sionismo per invadere la Palestina”. Non se ne esce".


Eppure questo scrittore è convinto che una minoranza "che la pensa come me, e cioè che siamo stufi di odio e di accuse reciproche, e vogliamo la pace", esista anche negli stravolgimenti della Primavera araba.  

31 luglio 2012

Commenti

Fondamentalismo e terrorismo

ideologia e violenza contro i diritti umani

La primavera araba del 2011 nel Magreb e le manifestazioni antigovernative in Iran e poi in Siria, Yemen, Bahrein e altri Paesi mediorentali, duramente represse nel sangue, hanno segnato la sconfitta politica del movimento qaedista facente capo a Osama Bin Laden, nel frattempo rintracciato in Pakistan e ucciso nell'assalto delle forze speciali Usa al suo nascondiglio. 
L'11 settembre 2001 aveva segnato una svolta profonda nei rapporti tra Occidente e Islam, basata su un aggravamento della diffidenza nella percezione reciproca.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

Il giardino dei limoni

una coltivazione di agrumi in Cisgiordania nasconde per forza terroristi?

La storia

Amina Wadud

docente di studi islamici presso il Dipartimento di filosofia e studi religiosi dell'Università americana della Virginia